La verità invaderà l’Ucraina?

en
fr
it
No war graffiti
[node:field_image:title]
Author(s)
Yurii Sheliazhenko

Un mese fa ho pubblicato un articolo, suggerendo che sia l’Occidente che l’Oriente condividono la stessa responsabilità di evitare l’escalation verso una grande guerra in Ucraina.

Il motivo è chiaro e semplice. Sfortunatamente, l’Ucraina è diventata un campo di battaglia della nuova guerra fredda tra Stati Uniti e Russia. Due grandi potenze sono in competizione per il controllo dell’Ucraina, usando e gonfiando nella loro lotta di potere globale il nazionalismo militante del governo ucraino e il nazionalismo militante simile dei separatisti filo-russi a Donetsk e Luhansk. La vita pacifica dell’Ucraina è stata distrutta da questi nazionalismi militanti e dalla grande lotta per il potere. Otto anni di spargimento di sangue hanno causato migliaia di vittime tra civili, milioni di persone trasformate in rifugiati e sfollati interni, devastato la nostra economia e debilitato la nostra società.

Nel mio articolo ho affermato che se i leader globali non riescono a negoziare una pace sostenibile in buona fede invece di incolpare il gioco e la risoluzione violenta della loro disputa di potere sul campo di battaglia locale in Ucraina, saranno ritenuti responsabili attraverso mezzi non violenti dal popolo della Terra.

Allora, cosa sta succedendo adesso? Il governo ucraino si prepara alla guerra con la Russia a causa delle truppe russe ammassate nelle vicinanze, mentre le repubbliche separatiste filo-russe del Donbass si stanno preparando per la guerra con l’Ucraina a causa delle truppe ucraine ammassate nelle vicinanze. La Missione speciale di monitoraggio dell’OSCE in Ucraina riferisce dell’intensificarsi delle violazioni del cessate il fuoco. Ci sono informazioni nei media sui bombardamenti delle aree residenziali urbane e sulle vittime civili su entrambi i lati del conflitto armato. L’Ucraina e gli Stati Uniti si sono scambiati con la Russia accuse sprezzanti al Consiglio di sicurezza dell’ONU.

Le sanzioni economiche sono sul tavolo alla Casa Bianca, le alleanze anti-Occidente e il riconoscimento dell’indipendenza delle repubbliche separatiste sono sul tavolo al Cremlino. Si costruiscono coalizioni, si perdono facce, si fanno minacce e si cominciano colpi distruttivi limitati. È così che si intensificano i conflitti.

Sembra che gli Stati Uniti e la Russia stiano giocando al tiro alla fune, tirando su le estremità opposte dell’Ucraina. Quindi, è tempo di ritenere entrambi responsabili. Ma come? Prima di tutto, dicendo la verità.

Le grandi potenze odiano quando diciamo la verità, perché il loro potere si basa su grandi bugie che svaniscono di fronte alla verità. Le bugie dividono le persone per governarle. E la verità, per la sua natura non contraddittoria, unisce le persone del mondo, autorizza e impone la pace in modo non violento.

La più grande bugia è che “noi” siamo angeli e “loro” sono demoni. Non abbiamo fatto nulla di male e abbiamo mantenuto pacificamente le nostre posizioni, ovviamente armati fino ai denti e vigili per la piena sicurezza. Hanno attaccato per primi, senza avvertimenti, senza provocazioni da parte nostra perché li abbiamo semplicemente osservati con calma nel mirino dei fucili, senza fare alcun male, e prima ancora ci hanno deriso invitandoci a colloqui di pace dove non avevano intenzione di arrendersi, quindi si sono meritati il ​​nostro rifiuto di parlare. Dici che dicono che li abbiamo attaccati prima?! Notizie false e disinformazione!

I media mainstream dell’est e dell’ovest sono dirottati dalla macchina da guerra che ipnotizza le persone parlando di guerra imminente, presunta invasione dell’esercito russo in Ucraina o dell’esercito di Kiev con armi fornite dalla NATO a Donetsk e Luhansk.

Chi beneficia di tali grida à la “la fine è vicina”, ovviamente intese come profezie che si autoavverano sebbene per lo più già trasformate in falsità? Non le persone che pagano per la guerra e perdono il benessere… Politici scandalosi che cercano di sbattere il cane? Possibilmente. Comandanti assetati di sangue in cerca di gloria della guerra e promozioni? Probabilmente. Appaltatori militari da tutte le parti? Decisamente!

Ma la guerra non è mai inevitabile. La guerra è sempre una scelta, una scelta sbagliata e le persone nel mondo dovrebbero alzare la voce contro la scelta sbagliata. E puoi vedere più persone per le strade delle città occidentali che protestano contro la guerra con la Russia. Abbiamo avuto azioni di strada contro la guerra anche in Ucraina e sappiamo delle azioni di strada contro la guerra in Russia.

Dovremmo fermare la macchina da guerra. Se la macchina da guerra semina il panico diffondendo gli orrori dell’intelligence militare, dovremmo resistere, unirci e invitare a rispettare il buon senso e la vita pacifica dei civili. Se la macchina da guerra cerca di convincerci che i colloqui di pace sono impossibili e gli accordi di pace non significano nulla, dovremmo dire più forte che la guerra non è una soluzione, i colloqui di pace inclusivi e in buona fede lo sono.

La verità può essere spiacevole, complicata e inaspettata, può rivelare che non ci sono buoni o cattivi, solo buoni comportamenti da premiare e cattivi comportamenti da frenare. Ma diciamolo chiaro: nessun conflitto ha solo due facce, noi e loro; c’è sempre un terzo lato del bene comune, il lato della verità.

Mai schierarsi dalla parte della guerra. Dal momento che vuoi la pace, preparati per la pace.

Author information

Yurii Sheliazhenko, Executive Secretary of Ukrainian Pacifist Movement. This article was first published by World Beyond War on 18th February 2022.

Programmes & Projects
Countries

Aggiungi un commento

This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.

1 + 0 =
Risolvere questo semplice problema matematico e inserire il risultato. Ad esempio per 1+3, inserire 4.

About the authors

Yurii Sheliazhenko, Executive Secretary of Ukrainian Pacifist Movement. This article was first published by World Beyond War on 18th February 2022.

Yurii Sheliazhenko, Executive Secretary of Ukrainian Pacifist Movement. This article was first published by World Beyond War on 18th February 2022.

Yurii Sheliazhenko, Executive Secretary of Ukrainian Pacifist Movement. This article was first published by World Beyond War on 18th February 2022.